Una nuova variante prevede centri commerciali, villette e parcheggi in area verde. Fermiamo il cemento.

Gli uffici urbanistica del Comune di Catania hanno dato parere favorevole alla proposta di variante al piano regolatore che porterà alla cementificazione di una grandissima area verde tra la circonvallazione e Ognina, a ridosso degli Istituti scolastici Galilei e Marconi.

Un progetto proposto dal colosso delle costruzioni COGIP, di Costanzo e Bosco Lo Giudice. È prevista la cementificazione di un'area di oltre novantamila metri quadri, destinata a verde dal vecchio piano regolatore, dove ora si trova un grande uliveto, una costruzione rurale e terrazzamenti in pietra lavica funzionali all'agricoltura. È prevista nella variante la realizzazione di decine di villette bifamiliari e monofamiliari, una palazzina residenziale, due spazi commerciali, un centro direzionale a funzione di uffici, un parcheggio scambiatore multipiano.

Qui tutti i documenti sulla variante.

La variante COGIP rappresenta una speculazione edilizia inaccettabile per un territorio già fortemente urbanizzato e cementificato. A Catania non servono nuove costruzioni, nuovi parcheggi o nuovi locali commerciali. Serve invece un piano regolatore generale, discusso con la città, che non preveda nuovo consumo del suolo, che consegni più aree a verde, maggiore vivibilità e che recuperi i tanti immobili vuoti e abbandonati che esistono nel territorio comunale.

Gli uffici dell'urbanistica del Comune procedono paradossalmente all'approvazione progetti di varianti proprio mentre il Consiglio Comunale è impegnato alla redazione del nuovo PRG. Il PUA, la variante centro storico, la variante di Corso dei Martiri, la variante del centro direzionale di Cibali, la variante di via del bosco e adesso la variante della circonvallazione sono gli esempi di come le Istituzioni comunali continuano a essere succube e complici degli enormi interessi economici, spesso opachi, che ruotano intorno all'edilizia.

Vogliamo che si fermino tutti i progetti di varianti urbanistiche, che si blocchi la speculazione edilizia e finanziaria e che si apra un confronto vero ed efficace con la città per decidere il futuro urbanistico di Catania.

Matteo Iannitti – Catania Bene Comune, La Sinistra

 

 

Mercoledì 8 Maggio 2019

Aggiungi commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.