Sgombero scuola Manzoni. Compromesso diritto allo studio. Il Comune trovi nuovo immobile.

Questa mattina, 27 maggio, alle ore 10,30 di fronte i locali del plesso della scuola Diaz-Manzoni di via Santa Maddalena 29 sotto sgombero si è tenuta la conferenza stampa convocata da Catania Bene Comune, Unione degli Studenti, Cobas Scuola, Comitato Popolare Experia, GAPA, Rifondazione Comunista e Rete Antirazzista Catanese, alla quale hanno partecipato i docenti e gli studenti del centro di educazione per adulti della scuola Diaz-Manzoni. Durante la conferenza stampa è stata illustrata dalle forze politiche e sociali presenti e dai docenti della scuola la situazione che sta vivendo il centro di educazione per adulti e le gravi conseguenze provocate dall'ordinanza di sgombero.

Fino a oggi il plesso della scuola Diaz-Manzoni ha ospitato circa 200 studenti. Nei locali si svolge l'attività didattica per il raggiungimento della licenza media, i corsi di alfabetizzazione italiana per stranieri, i corsi di educazione civica per stranieri in convenzione con la Prefettura. Il centro di educazione per gli adulti di via Santa Maddalena 29 è l'unico che in città svolge le proprie attività prevalentemente la mattina, accogliendo moltissimi minori provenienti da centri di accoglienza e comunità per migranti.

L'ordinanza di sgombero firmata dal Sindaco di Catania è stata giudicata insensata in quanto appare incomprensibile, oltre che gravissimo, che il Comune costringa all'abbandono di locali di sua competenza senza predisporre in anticipo una soluzione adeguata per il proseguimento delle attività.

Inoltre appare assurdo come questa ordinanza, dopo anni e anni di incuria dei locali, preveda lo sgombero a pochi giorni dalla chiusura dell'anno scolastico e dagli esami per il conseguimento della licenza media. Gettare nel caos studenti e docenti in un momento come questo significa compromettere il diritto allo studio e lo svolgimento delle attività.

Per tali ragioni è indispensabile giungere a una soluzione di buon senso, posticipando lo sgombero al termine delle attività didattiche e allo svolgimento degli esami. Si tratterebbe di emettere una proroga di appena 20 giorni, utili a far terminare l'anno scolastico in tranquillità.

Inoltre è necessario che l'amministrazione comunale e tutte le Istituzioni competenti trovino in tempi rapidissimi, nel medesimo quartiere in cui ha operato fino ad oggi, un nuovo immobile da destinare al centro di educazione per gli adulti della scuola Diaz-Manzoni sgomberato dai locali dell'ex Archivio Notarile.

A tal fine le organizzazioni presenti alla conferenza stampa hanno chiesto un incontro urgente con il Sindaco, l'Assessore alle politiche scolastiche e l'Assessore al patrimonio.

In merito alle soluzioni annunciate dal Dirigente Scolastico della scuola Diaz-Manzoni e dall'Assessore alle politiche scolastiche del Comune di far continuare le attività presso i locali della scuola Manzoni di via Plebiscito, tale proposta appare irricevibile e dimostra un totale disinteresse verso le esigenze degli studenti. Immaginare il trasferimento delle attività da un luogo a un altro, con un mutamento radicale degli orari di lezione, col passaggio della attività dalla mattina alla sera, a pochissimi giorni dalla fine dell'anno scolastico è profondamente insensato e rischia di compromettere la frequenza degli alunni. È più che evidente che una proroga di appena 20 giorni dello sgombero sarebbe la soluzione più ragionevole. Così come è impensabile che il trasferimento delle attività nella sede di via Plebiscito possa continuare anche per il prossimo anno in quanto non utilizzabile la mattina. Il Centro di educazione per adulti della scuola Diaz-Manzoni infatti risponde alle esigenze di un'utenza che ha la necessità di seguire le lezioni la mattina: minori stranieri delle comunità, adulti che lavorano in orario pomeridiano e serale.

Lo sgombero del plesso di via Santa Maddalena 29 rappresenta solo l'ultimo atto di un processo che sta portando il quartiere Antico Corso a perdere tutti i suoi presidi sociali, luoghi di istruzione e di aggregazione. Il ridimensionamento della scuola Manzoni, lo sgombero del Centro Popolare Experia, la volontà di chiudere gli ospedali, la chiusura di asili e ludoteche appare il frutto di una strategia volta a concepire quell'area della città a esclusivo appannaggio della speculazione privata e dell'Università. Un'idea malsana che dimentica i bisogni di chi vive il quartiere, l'esigenza di servizi sociali e di politiche di integrazione e solidarietà sociale.

La mobilitazione dunque non si ferma. Non è possibile accettare che la città perda i suoi servizi essenziali. L'amministrazione comunale deve dare delle risposte concrete e non sono accettabili scorciatoie utili solo a coprire gli errori commessi. Le donne e gli uomini, le ragazze e i ragazzi che studiano in via Santa Maddalena e i loro docenti hanno diritto a una scuola in quartiere: aperta di mattina, di qualità, sicura.

Ribadiamo la richiesta di un incontro urgente con il Sindaco, l'Assessore alle politiche scolastiche e l'Assessore al patrimonio, al fine di trovare la soluzione migliore per la difesa del diritto allo studio.

 

CATANIA BENE COMUNE

UNIONE DEGLI STUDENTI

COBAS SCUOLA

COMITATO POPOLARE EXPERIA

COMITATO POPOLARE ANTICO CORSO

GAPA

RETE ANTIRAZZISTA

RIFONDAZIONE COMUNISTA

Mercoledì 27 Maggio 2015

Aggiungi commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.