Rifiuti. Differenziata ferma all'8%. L'Assessore Cantarella mente alla città.

A seguito dell'istanza di accesso agli atti presentata da Catania Bene Comune sono stati resi noti i dati della raccolta differenziata nel Comune di Catania, che si ferma all'8,03% nel mese di dicembre. La media annuale è del 7,68%. QUI I DATI UFFICIALI

Lontani persino i risultati già raggiunti nel mese di febbraio e marzo del 2018 quando la differenziata era arrivata al 9,4%. Lontanissimi gli obiettivi del 30% entro il 2018 evocati dall'amministrazione Pogliese nel mese di settembre.

Il 22 dicembre scorso la società Dusty che ha vinto l'appalto ponte per il servizio di raccolta dei rifiuti a Catania ha diffuso alla stampa un comunicato avente ad oggetto la risalita della raccolta differenziata al 10,19%. Nel comunicato di Dusty si fa riferimento all'ufficializzazione da parte dell'assessore leghista della Giunta Pogliese, Fabio Cantarella, del dato del 10,19% raggiunto nel mese di dicembre. Una dichiarazione mai smentita dall'assessore e riportata trionfalmente dagli organi di stampa.

Si tratta di una dichiarazione falsa, di una clamorosa menzogna sbattuta in faccia alla città. È intollerabile e gravissimo che un esponente della Giunta inventi dei dati solo per millantare il raggiungimento di già mediocri obiettivi. Il Sindaco dovrebbe chiedere scusa alla città e trarne le giuste conseguenze.

I dati pubblicati ufficialmente dalla Direzione Ecologia e Ambiente parlano chiaramente di una raccolta differenziata ancora insignificante nella città di Catania, con un margine di crescita ridicolo nonostante le tante iniziative sbandierate dall'assessore. Tra il mese di novembre e il mese di dicembre vi è stato un incremento di appena lo 0,05%, dal 7,98 all'8,03%. Dati che in nessun modo l'assessore Cantarella avrebbe potuto fraintendere.

Come se non bastasse per l'ennesima volta negli ultimi quattro anni il servizio di raccolta dei rifiuti non viene assegnato ufficialmente tramite gara ma assistiamo alla proroga della gara ponte che, aggiudicata nel mese di settembre 2018, sarebbe dovuta durare appena 130 giorni. Entro domani la Direzione Ecologia e Ambiente dovrà emanare il provvedimento di proroga mentre l'amministrazione comunale non è riuscita neanche a predisporre gli atti per una nuova gara settennale.

Anche sul fronte penali l'amministrazione dimostra di non essere capace a svolgere un controllo puntuale sul servizio di raccolta dei rifiuti. Di fronte alle carenze nella pulizia della città, nella raccolta della differenziata porta a porta e nello svuotamento e la pulizia dei cassonetti, sotto gli occhi di tutti nonostante i miglioramenti in alcune zone della città, appaiono fortemente sproporzionate le penali erogate alle società, appena 19mila euro al mese, lo 0,5% dell'importo dell'appalto, che si aggira intorno ai 4milioni 300mila euro al mese, 130mila euro al giorno. Basti pensare che in comuni venti volte più piccoli di Catania le penali erogate raggiungono pressoché la stessa cifra. Un dato inquietante che dimostra l'inefficienza del servizio di sorveglianza comunale e sul quale occorre che l'amministrazione comunale intervenga con urgenza.

Il Sindaco non si presti alla propaganda o agli annunci, spieghi invece alla città in che modo intende intervenire e valuti se la delega ai rifiuti è ben riposta. Alla scadenza della gara ponte che, come annunciato dalla Giunta, avrebbe dovuto rivoluzionare la gestione dei rifiuti in città, siamo di fronte a un buco nell'acqua. Catania, che paga le tariffe tra le più alte d'Italia, merita un vero cambiamento.

Catania Bene Comune

 

Mercoledì 23 Gennaio 2019

Aggiungi commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.