70mila euro per riqualificare piazza Abramo Lincoln. Ma non era appena stata rimessa a nuovo?

70 mila euro saranno spesi a Catania per la riqualificazione di Piazza Abramo Lincoln. Sì, proprio la piazza appena ristrutturata tramite una sponsorizzazione della famosa pasticceria che ha lì i locali. La notizia è di quelle che lascia increduli anche perché la piazza, oggi, è una di quelle messe meglio. Certo occorrerebbe più pulizia, una maggiore attenzione alle persone diversamente abili ma non certo un nuovo cantiere, non una spesa del genere.

Eppure il 7 ottobre 2014 viene emesso dal Direttore Corrado Persico un provvedimento dirigenziale (qui consultabile) nel quale si afferma che “l'intera area perimetrale – della piazza – necessita di un adeguato intervento di manutenzione” e che “si rende necessario realizzare i lavori in breve arco temporale per evitare in via continuativa disagi alla cittadinanza e rendere fruibile al meglio la Piazza Abramo Lincoln”.

Visto lo stato della città di Catania, l'abbandono dei quartieri, la mancanza in molte strade dei più elementari elementi di sicurezza, finanche dei marciapiedi, l'urgenza per la ristrutturazione della piazza appena ristrutturata sembra quasi una barzelletta. Mentre il lungomare crolla e non si trovano i soldi neanche per tappare le buche, 70 mila euro vengono versati laddove solo qualche mese fa sono finiti i lavori di sistemazione.

La giustificazione? Soldi stanziati dal ministero. Soldi vincolati. Cittadini beffati.

Ma siamo proprio sicuri che di fronte a cotanta inutilità e con l'enormità delle urgenze che hanno la città di Catania e i suoi quartieri, queste somme non si potevano, di concerto col Ministero, destinare ad altro? L'amministrazione Bianco non si è forse distinta per aver messo in discussione misure già scritte (centro commerciale al Lungomare, passante ferroviario)?

Quando si chiedono interventi per la città, per la sicurezza, per i servizi sociali i soldi non si trovano mai. La soluzione potrebbe essere quella di trasferirci tutte e tutti a piazza Abramo Lincoln, lì la mancanza di risorse non è un problema e i soldi si trovano sempre, anche per opere inutili.

Catania Bene Comune

 

Martedì 21 Ottobre 2014

Commenti

Non se chi has scritto l'articolo abbia il tesserino da giornalista, non so se risponderà di cattiva informazione per mediocre professionalità, che, più o meno involontariamente, falsa l'opinione pubblica. Sono convinto della buona fede, ma la mancanza di professionalità qui è macroscopica.Il documento da voi linkato si riferisce all'intorno della piazza, non alla nuova piazza! Anche quello spazio si chiama Piazza Lincoln, sapete?... Opere già pianificate al momento della consegna lavori e con tempistiche differenti rispetto a quelle di una sponsorizzazione (ad essa estranee): riguardano la manunenzione e l'adeguamento dei marciapiedi con inserimento di rampe per i cittadini diversamente abili in corrispondenza delle (fu) strisce.Da buoni giornalisti deontologia imporrebbe (dopo aver letto bene il documento da voi postato alla cieca) correggere l'articolo e ammettere della cantonata riportata dovuta a una Vs.scarsa padronanza nella lettura dei documenti.Riguardo l'assenza di manutenzione, controllo e pulizia, fate invece della vostra professione uno strumento utile a capire in merito all'abbandono della piazza sia da parte dello sponsor sia da parte del Comune, entrambi incaricati al compito.

Gentile Sig. Giuseppe, La ringraziamo per l'interessamento in merito alla vicenda ma purtroppo dobbiamo innanzi tutto chiarire un suo errore, certamente compiuto in buona fede, circa il soggetto che ha prodotto la critica e il comunicato in merito a Piazza Abramo Lincoln. Catania Bene Comune non è una testata giornalistica bensì un soggetto politico. Un collettivo, un'associazione, un movimento che consegna alla stampa la propria valutazione su ciò che accade in città oltre a produrre, ogni giorno, senza un soldo, dal basso, pratiche di lotta e di alternativa. Perciò la parte del suo commento rivolta alla professionalità, al tesserino da giornalista è fuori luogo in quanto troverebbe un senso solo se si fosse imbattuto a commentare un articolo giornalistico e non una valutazione politica e amministrativa. Tuttavia noi restiamo dalla parte della verità e chiariamo subito la nostra posizione.In merito agli interventi su Piazza Abramo Lincoln, nella stesura del testo della posizione di Catania Bene Comune, ci siamo resi conto in maniera attenta dei luoghi interessati dalla riqualificazione, tanto da aver citato proprio la parte del provvedimento dirigenziale che esplicita che i lavori interesseranno la parte perimetrale della piazza. La invitiamo, gentile Sig. Giuseppe, a cogliere il senso delle nostre parole che, certamente, potranno in futuro espreimere meglio i concetti che tentiamo di fare passare: ci siamo chiesti come fosse possibile che di fronte alle urgenze della città, oggi drammaticamente dimostrate dalla morte di una signora a Piazza Cutelli, si possa pensare di investire ulteriori 70 mila euro su una piazza che ha già ricevuto importanti interventi nemmeno due anni fa. Non vi è dubbio che in qualunque zona di Catania alcune migliorie non fanno mai male, compresi i marciapiedi che perimetrano piazza Lincoln. Ma è  forse legittimo dire che non stanno in quella piazza le urgenze? E' legittimo dire che questo provvedimento da l'impressione che piova sempre sul bagnato? E' legittimo dire che tali finanziamenti, se ci fosse stata la volontà politica, potevano essere stornati verso interventi più urgenti e più utili. Vede, caro Sig. Giuseppe, purtroppo la nostra città sta tentando di coprirsi con una coperta sempre più corta. La mancanza di finanze sta diventando, a causa dei tagli e delle politiche di austerità, sempre più drammatica. Pensiamo sia giusto affermare che quegli interventi previsti da quel provvedimento non siano utili e siano superflui in una piazza per nulla in stato di abbandono. 

Cosa vuol dire che non essendo giornalisti professionisti non vi sentite chiamati in causa? fate informazione comunque, che giustificazione è il fatto che venite dal basso? cioè? potete scrivere inesattezze?... Rimango allibito, un non giornalista, ma organo politico è legittimato a disinformare?Mah! Ora state un po' puntualizzando meglio, ma un conto sarebbe stato scrivere (correttamente) che si preferirebbe investire quei soldi in altro modo, in base alle (solite) emergenze catanesi, un'altra cosa è scrivere che si sprecano soldi su una piazza già rinnovata, perchè è una boiata!La piazza era incompleta perchè NON è composta solo dallo spazio rinnovato (e già abbandonato) al centro delle strade, ma da tutta l'area, compresa la cornice perimetrale ed è li che si interviene, per ripavimentarla e per consentire ai disabili di attraversarla tutta.Che si fa? siccome la città è i suoi spazi pubblici, vigono nell'incuria più totale lasciamo le cose tronche? Se per voi è normale, allora non discuto più.grazie per l'ospitalitàsaluti

Aggiungi commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.