29 dicembre protesta in Consiglio Comunale. Salviamo gli asili nido comunali. I nostri diritti valgono più dei loro interessi.

 

Lunedì 29 dicembre e martedì 30 dicembre dalle ore 15,30 si riunirà il Consiglio Comunale di Catania per modificare il piano di rientro finanziario. L'amministrazione comunale dovrà stabilire come pagare gli interessi di un nuovo prestito contratto con Cassa Depositi e Prestiti. Si tratta di 3 milioni e 800 mila euro per il solo 2014 ma per i prossimi 30 anni il Comune si sta impegnando a pagare 73 milioni di euro di soli interessi. Cifre enormi che vanno nelle tasche delle grandi banche e dei fondi di investimento privati che stanno lucrando sulla crisi e stanno speculando sui tagli agli enti locali adoperati, ad arte, dai Governi centrali.

Le somme che saranno consegnate alle banche come interessi sono risorse sottratte alla città di Catania, ai servizi sociali, alla lotta alla povertà, ai contributi necessari per far riprendere l'economia. Sono milioni di euro rubati a una città che avrebbe potuto investire su opere utili al turismo, all'innalzamento della qualità della vita.

Mentre il Consiglio Comunale regala i soldi di interessi illegittimi alle banche, vengono tagliati gli asili nido comunali.  Qui tutto ciò che c'è da sapere sull'attuale situazione degli asili nido. Dimezzato il numero di bambini, licenziate metà delle lavoratrici, aumentate le rette. Lunedì 29 dicembre saremo tutte e tutti in Consiglio Comunale per fermarli, per dire a chi ci governa che queste misure non sono fatte in nostro nome e neanche nel nostro interesse. Le nostre vite, i nostri diritti, i servizi sociali valgono di più degli interessi delle banche, valgono più dei vincoli di bilancio.

Qui l'evento facebook della protesta.

Sabato 27 Dicembre 2014

Aggiungi commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.