Catania non si vende. Assemblea cittadina per difendere il patrimonio e opporci al piano di rientro.

Lunedì 19 settembre alle ore 20,30 ci incontreremo a Palestra Lupo, in piazza Pietro Lupo a Catania, in un'assemblea cittadina per decidere insieme come contrastare la svendita del patrimonio pubblico della città decisa dalla Giunta Bianco e per opporci al Piano di Rientro redatto dall'amministrazione che sarà all'esame del Consiglio Comunale nelle prossime settimane.

Per approfondire sulla svendita del patrimonio.

Per approfondire sul Piano di Rientro finanziario.

PARTECIPA E CONDIVIDI L'EVENTO FACEBOOK. Qui.

La Giunta comunale di Catania in data 10 settembre 2016 ha approvato il nuovo piano di rientro finanziario. Un atto che vincolerà i bilanci della città fino al 2023 (scongiurata l'ipotesi del piano trentennale ipotizzato dalla Giunta a causa di una cattiva interpretazione del Decreto Legge Enti Locali), che porterà a tagli per 621milioni di euro nei prossimi 6 anni, che, sommati ai tagli già dichiarati, arrivano a 818milioni di euro.

Nel documento finanziario varato dalla Giunta Bianco sono previsti aumenti delle tariffe, a partire dall'aumento dell'IMU (come si evince dalla Relazione al Piano). È prevista la svendita del patrimonio pubblico, ben 53 immobili, anche di notevole pregio e attualmente utilizzati per finalità pubbliche, e 145 botteghe. Sono previsti tagli nei contratti di servizio con le partecipate e un appesantimento del blocco del turn over nella pubblica amministrazione con enorme danno all'efficienza dell'ente già con organico sottodimensionato. È prevista la privatizzazione totale della rete del gas.

La Giunta comunale sa bene che il debito del Comune è insopportabile e non più gestibile, che i tagli statali e regionali agli enti locali ( giudicati drammatici dallo stesso Sindaco) non permettono l'erogazione dei servizi essenziali alla cittadinanza, che serve un cambio di rotta radicale nei finanziamenti agli enti locali e negli assurdi vincoli finanziari ai quali sono assoggettati.

Invitiamo tutte le forze politiche e sociali della città a incontrarsi per analizzare il piano di rientro e per opporsi a ogni taglio di servizi, alla svendita del patrimonio pubblico, alle bugie della Giunta. Per riprenderci il potere decisionale che ci spetta e per scrivere noi, insieme, dal basso, il futuro della città, fuori dagli ingiusti vincoli finanziari, opponendoci sin da ora alle politiche antisociali del Governo che strozzano gli enti locali e affamano le persone.

Dobbiamo avere una consapevolezza: un piano di rientro lacrime e sangue per i prossimi decenni fa più danni della dichiarazione di dissesto. O costruiamo un'alternativa e fermiamo questa amministrazione o per Catania continuerà la crisi sociale, economica e culturale che va avanti ormai da troppi anni.

PER QUESTI MOTIVI INVITIAMO TUTTI E TUTTE AD UN PUBBLICO MOMENTO DI CONFRONTO SUI MODI NEI QUALI MANIFESTARE A NOSTRA CONTRARIETA' AL PIANO DI RIENTRO, ALLA LOGICA DEL DEBITO CHE SOTTINTENDE, ALLA SVENDITA DI PATRIMONIO PUBBLICO CHE RISCHIA DI CAUSARE

Appuntamento lunedì 19, alle ore 20:30 a Palestra Lupo in Piazza Lupo
 

Sabato 17 Settembre 2016

Aggiungi commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.