No alla privatizzazione dell'aeroporto

L'aeroporto di Catania appartiene oggi alle cittadine e ai cittadini siciliani. È un'infrastruttura indispensabile per il territorio, garantisce il diritto alla mobilità delle persone, è l'unica che assicura continuità territoriale con il resto d'Italia e d'Europa, un'infrastruttura strategica per il benessere e il progresso della Sicilia e che attrae investimenti pubblici. L'aeroporto di Catania è un'azienda sana che fa utili, un bene comune del nostro territorio.

L'aeroporto di Catania è gestito dalla società al 100% pubblica SAC. Le quote della SAC appartengono alla Camera di Commercio del sud est Sicilia, ente pubblico, per il 66,12%, alla città metropolitana di Catania per il 12,24%, all'ex provincia di Siracusa, ora libero consorzio, per il 12,24%, all'IRSAP, ovvero alla Regione Sicilia, per il 12,24% e al Comune di Catania per il 2,04%.

La proposta di vendere ai privati l'aeroporto di Catania è assurda e sbagliata. La gestione pubblica dell'aeroporto, che anzi andrebbe ampliata favorendo una partecipazione ancora maggiore degli enti e dei cittadini, garantisce il nostro territorio ed è occasione di ricchezza per le comunità locali. È davvero inspiegabile, se confidiamo sulla buona fede degli attori istituzionali, la volontà dei vertici della Camera di Commercio e di parte delle Istituzioni di vendere quote dell'aeroporto.

Un'eventuale vendita priverebbe il territorio e la comunità del controllo sull'infrastruttura, metterebbe a rischio i posti di lavoro diretti e dell'indotto, al solo fine di fare arricchire grandi gruppi finanziari internazionali e probabilmente qualche faccendiere locale. Un aeroporto pubblico è uno strumento per arricchire il territorio e garantire il diritto alla mobilità; un aeroporto privato viene tenuto aperto solo al fine di generare alti profitti a chi lo possiede, senza alcuna garanzia per il futuro.

L'aeroporto di Catania è stato costruito, gestito e modernizzato solo attraverso giusti investimenti pubblici, appartiene a tutte e tutti noi che lo abbiamo finanziato. Nessuno può arrogarsi il diritto di mettere in vendita un bene comune.

Il giusto no alla privatizzazione dell'aeroporto di Catania è stato ratificato il 4 aprile dal Consiglio Comunale di Catania che ha approvato a larga maggioranza una mozione contro la vendita. Una mozione che “impegna il Sindaco” a intervenire direttamente affinché né il Comune, né la Città Metropolitana di Catania, né la Regione, né il Governo consentano la privatizzazione dell'aeroporto.

Anche alla luce dell'approvazione di tale mozione appaiono gravissime le dichiarazioni del Sindaco Pogliese che sul giornale La Sicilia ha detto chiaramente di voler ignorare il Consiglio, dichiarando che “il Comune continua a essere favorevole alla privatizzazione dell'aeroporto” e derubricando la mozione a un'inutile preoccupazione circa la vendita del 2% delle azioni in SAC. Se il Sindaco non ha letto la mozione approvata dal Consiglio Comunale, farebbe bene a leggerla, a prenderne atto e a correggere immediatamente le dichiarazioni rilasciate, rimettendosi alla volontà del Consiglio Comunale contrario, come scritto e approvato, non solo alla vendita della partecipazione comunale in SAC ma all'intero processo di privatizzazione dell'aeroporto. Se invece il Sindaco ritiene di poter ignorare gli indirizzi e la volontà dell'intero senato cittadino siamo di fronte a dichiarazioni di ancor maggiore gravità che delegittimano il Consiglio Comunale e con esso la città intera. Si tratterebbe di un comportamento eversivo inaccettabile, funzionale solo agli opachi interessi di chi vuole speculare sulla vendita di un bene pubblico.

Il Sindaco Pogliese è obbligato a rimettersi alla volontà del Consiglio Comunale di mantenere interamente pubblico l'aeroporto di Catania anche nella sua veste di Sindaco della città metropolitana, in quanto tale incarico è indissolubilmente legato al corpo elettorale che lo ha eletto Sindaco.

Catania Bene Comune

Sabato 6 Aprile 2019

Aggiungi commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.