Il procuratore Caselli contestato all'Università di Catania in solidarietà al Movimento NO TAV.

Questa mattina, 11 marzo 2014, in piazza Università a Catania una decina di militanti di Rifondazione Comunista, Catania Bene Comune e Officina Rebelde hanno contestato il procuratore Gian Carlo Caselli ospite dell'Ateneo in solidarietà al Movimento NO TAV e NO MUOS vittima di una violenta repressione e in solidarietà alle decine di attiviste e attivisti arrestati e denunciati per aver preso parte alle manifestazioni in Val di Susa e a Niscemi.

Il già Procuratore Gian Carlo Caselli è il massimo responsabile della strategia della tensione adoperata dalle Istituzioni italiane al fine di criminalizzare i movimenti e indebolire le lotte sociali. Arrivare a definire terroriste le azioni volte a contrastare la costruzione di inutili e antieconomiche grandi opere costituisce un atto grave che compromette seriamente la democrazia e la libertà del nostro Paese.

Le/i militanti oggi presenti alla contestazione non hanno voluto disturbare l'iniziativa antimafia in atto nell'Aula Magna ma hanno mostrato uno striscione con la scritta “no TAV, libere/i tutte/i” e bandiere NO TAV e NO MUOS. Nonostante non sia stato messo in discussione l'impegno del Procuratore Caselli nella lotta alla mafia si è voluta denunciare la grave e volgare contraddizione di chi da un lato dice di combattere la criminalità organizzata e dall'altro criminalizza consapevolmente dei movimenti che, oltre a difendere il loro territorio, rappresentano il punto più avanzato della lotta sociale contro gli interessi economici delle cosche mafiose.

Le/i manifestanti hanno in particolare chiesto l'immediata liberazione di Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò, militanti NO TAV arrestati lo scorso 9 dicembre con l'accusa di terrorismo per aver manifestato contro la costruzione del treno ad alta velocità in Val di Susa.

La lotta contro la mafia è lotta contro le grandi opere e gli interessi economici della criminalità organizzata.

Rifondazione Comunista

Catania Bene Comune

Officina Rebelde

Mercoledì 12 Marzo 2014

Aggiungi commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.