Discriminazione razziale per il Consigliere aggiunto di Catania. Gli esami li facciano prima assessori, consiglieri comunali e di municipalità.

La norma del Regolamento sul Consigliere comunale aggiunto con la quale si obbliga il cittadino straniero eletto in Consiglio Comunale a sostenere un esame (il sui superamento è determinante per il mantenimento dell'incarico) su Costituzione e Statuto siciliano prima dell'insediamento è gravemente discriminatoria e razzista.

Requisiti ed esami di questo tipo non sono assolutamente richiesti agli eletti in nessun'altra carica pubblica. Il fatto che il Comune obblighi a tale esame una persona, solo perché straniera, rappresenta un vergognoso atto discriminatorio indegno per un'Istituzione democratica. Bene hanno fatto alcuni consiglieri a denunciare l'assurda vicenda.

La conoscenza dei principi della Costituzione Italiana dovrebbe essere scontata per tutti coloro che si candidano o occupano una carica pubblica ma se qualcuno al Comune pensa di poter, in maniera incostituzionale e antidemocratica, subordinare l'elezione al superamento di un esame “scolastico” allora pretendiamo che il nuovo Consigliere aggiunto di Catania, Amal Thissera, sia l'ultimo a sostenerlo. Prima lo dovrebbero sostenere e superare tutti gli Assessori, tutti i Consiglieri Comunali e tutti i Consiglieri di municipalità della città di Catania.

La verità, fuori dalle provocazioni, è che sono sempre le elettrici e gli elettori, in democrazia, a determinare, nel rispetto della Legge, chi devono essere le/i loro rappresentanti. La scelta delle elette e degli eletti non si compie dopo la loro elezione tramite esami ma dentro l'urna attraverso la democrazia. Pretendiamo che si modifichi d'urgenza questa norma discriminatoria e che non si svolga nessun esame razzista e umiliante. Nel rispetto di quella stessa Costituzione che dovrebbe essere oggetto di esame.

 

Catania Bene Comune; Arci Comitato territoriale Catania

Sabato 6 Dicembre 2014

Aggiungi commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.