Bastione degli Infetti. Soprintendenza propone progetto di riqualificazione archeologica. Il Comune accetti.

Con nota 10903 la Soprintendenza per i beni culturali ed ambientali di Catania, in merito ai lavori per la creazione di un'area a verde nel Bastione degli Infetti, ha proposto al Comune di Catania “di predisporre in completa collaborazione con la Soprintendenza un progetto di riqualificazione del bastione che comprenda anche indagini archeologiche che possano mettere meglio in luce la ricca e complessa storia dell'importante palinsesto della storia della città”.

Il Bastione degli Infetti infatti è una fortificazione del XVI secolo un tempo inserita nel complesso murario di difesa della città voluto da Carlo V. “Il bastione si trova sulla collina di Montevergine, antica acropoli di Catania. Dove oggi si trovano i resti del Bastione pare sorgesse il Tempio di Cerere”.

La proposta della Soprintendenza è un'occasione unica per la città e per il quartiere Antico Corso, al fine di rendere finalmente l'area del Bastione degli Infetti e della Torre del Vescovo un sito inserito nel parco archeologico della città. Avviare indagini archeologiche in quell'area offrirebbe poi straordinarie possibilità di ampliare e impreziosire il patrimonio storico catanese.

È evidente che lavorare in tal senso, per il Comune, significhi abbandonare, almeno in parte, la volontà di trasformare il Bastione degli Infetti in parco giochi. La possibilità concreta di avviare indagini archeologiche infatti mal si concilia con i lavori attualmente in corso che prevedono la realizzazione di aree gioco con piattaforme in cemento o la piantumazione di decine di alberi. Lavori peraltro già soggetti a rilevanti modifiche a seguito dell'intervento della Soprintendenza.

L'Amministrazione Comunale ha il dovere oggi di mettere in campo tutte le energie e di compiere tutte le azioni affinché l'area del Bastione degli Infetti venga riqualificata valorizzando la sua storia e la sua assoluta rilevanza archeologica. Su questo incontrerà la piena disponibilità alla partecipazione.

Non è tuttavia possibile oggi chiudere gli occhi, nonostante la disponibilità al confronto degli uffici impegnati nel progetto, di fronte alle gravi inadempienze e agli errori della Giunta.

L'Amministrazione Comunale ha il dovere di chiarire come sia stato possibile trasformare la richiesta di valorizzazione storica del Bastione da anni portata avanti da comitati e associazioni, in primis dal Comitato Popolare Antico Corso, in un progetto di sistemazione a verde coordinato dalla Direzione Ecologia e Ambiente. Come sia stato possibile utilizzare i fondi destinati dalla Regione a progetti di “democrazia partecipata” per un progetto mai né presentato né condiviso con la città (a parte il titolo incompleto). La Giunta ha il dovere di chiarire come saranno spesi i 333mila euro stanziati per un progetto immediatamente modificato e ridimensionato dalla Sopraintendenza.

Catania Bene Comune che parteciperà all'assemblea pubblica convocata per oggi pomeriggio, 15 giugno 2017, davanti Palazzo degli Elefanti e sarà presente al tavolo tecnico convocato dal Comune lunedì 19 giugno alle ore 8,30 al Municipio, chiede che venga immediatamente colta la proposta della Soprintendenza di valorizzazione archeologica del Bastione degli Infetti.

Chiede inoltre, individuando gli adeguati strumenti amministrativi, che i giochi del valore di 50mila euro acquistati per il Bastione degli Infetti vengano collocati negli spazi pubblici del quartiere Antico Corso al fine di non far perdere al quartiere l'opportunità di avere nuove aree gioco per i bambini e che lo stesso sia fatto con gli alberi di grandi dimensioni la cui piantumazione era prevista all'interno del Bastione.

Catania Bene Comune

Giovedì 15 Giugno 2017

Aggiungi commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.