Servizi mirati per fasce sociali a rischio di esclusione sociale
Nessun voto
Commenti: 0
Scritto da Gruppo Welfare

È necessario garantire servizi pubblici a chi viene espulso dal mondo del lavoro o ha difficoltà ad inserirsi (cassaintegrati, lavoratori in mobilità, esodati, disoccupati), ai precari, ai neet, ed in generale alle fasce sociali in difficoltà e a rischio di esclusione sociale.

Il welfare locale, infatti, deve garantire a tutti i cittadini residenti (includendo evidentemente anche i migranti) che rispondano non solo ai bisogni primari fornendo servizi di bassa soglia, ma anche strumenti per l'integrazione e l'inclusione sociale, sostenendo gli utenti anche e soprattutto nelle fasi del ciclo della vita di fragilità e di rischio di marginalità.

 

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.